Sentenza Corte di Cassazione del 2016: deve essere ammessa la CTU

C’è ancora molto da fare per ristabilire equità tra correntisti e sistema bancario ma questa sentenza è un grandissimo e rivoluzionario passo avanti, commenta l’ex magistrato Calabrò.

“Questa sentenza ridisegna le condizioni di chiaro svantaggio finora vissute dai clienti nei confronti delle banche che, spesso, pongono continui ostacoli ai clienti, nel fornire i documenti dei quali hanno diritto. Eppure esista una legge, il Testo Unico Bancario, che impone alla banca di fornire al cliente i documenti di cui necessita dietro richiesta formale, ma diversi giudici fino ad oggi avevano imputato al cliente di non avere inviato alla banca questa richiesta formale e, quindi, si sono ben guardati dall’ordinare alla banca di esibire in giudizio questa documentazione. Questa valutazione della Suprema Corte si riferisce anche alle cause considerate “temerarie”, ovvero i casi in cui le domande sono state respinte per motivi procedurali perché si riteneva non fosse prodotta sufficiente documentazione e non potesse ordinarsi alla banca l’esibizione di altri documenti o che la perizia di parte fosse presumibilmente inadeguata, ovvero ancora che la richiesta di una perizia tecnica d’ufficio fosse esplorativa. Grazie alla Sentenza della Corte di Cassazione i giudici di merito dovranno dimostrare più coraggio rispetto al passato” – afferma Calabrò.

La maggior parte dei contenziosi contro gli istituti bancari adesso verranno riscritti a favore dei correntisti che hanno visto respingere in primo grado cause per usura o anatocismo.

Infatti, questa recente sentenza (depositata il 15 marzo – n. 5091/16) per la prima volta affronta i temi procedurali del contenzioso bancario.
In particolare, la Corte di Cassazione afferma che in materia contabile, anche quando possa essere considerata esplorativa, la CTU deve essere ammessa perché è l’unico mezzo a disposizione della parte per ricostruire un rapporto che si è dipanato in molti anni e non può essere ricostruito con la semplice produzione di documenti. Inoltre, il consulente tecnico di ufficio, addirittura, non potrà neppure considerarsi vincolato dai documenti acquisiti  sino a quel punto del processo, ma per espletare compiutamente l’indagine contabile affidatagli potrà acquisire tutta la documentazione che ritenga indispensabile per rendere al giudicante il miglior servizio volto all’accertamento della verità e della realtà del rapporto oggetto del giudizio. L’unica deputata a stabilire in modo definitivo i criteri di diritto da applicare ad ogni fattispecie è la Corte di Cassazione.

Per maggiori informazioni, leggi la sentenza: SENTENZA CORTE DI CASSAZIONE – Marzo 2016

 

Vuoi scoprire se anche tu puoi ottenere un rimborso degli interessi della tua banca?

Visita il sito web fai la verifica gratuita oppure chiama il numero 081 5624556 ed un esperto del settore ti assisterà per conoscere questa preziosa informazione.

EX

Rosario De Vincenzo

Rosario De Vincenzo

Consulente e Coach per il benessere nel business e nella vita. Sono stato mediatore creditizio per tantissimi anni e imprenditore nel settore della finanza, con esperienza maturata da oltre 25 anni nel settore finanziario. Mi occupo di start-up tecnologiche e di marketing ad alto valore aggiunto. Sono Financial e Marketing Coach certificato in Business e Master Practitioner PNL, autore del libro best seller “Usura Bancaria” e fondatore di HGM.
Spero presto di fare la tua conoscenza e per qualsiasi informazione contattami su facebook, linkedin, twitter o via email rosariodevincenzo@libero.it
Un caro abbraccio forte!
Rosario De Vincenzo
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin