Art. 1815 codice civile – Se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi

Art. 1815 - se in usura gli interessi non si pagano

L’art. 1815 del Codice Civile, collocato nel Libro quarto delle Obbligazioni, disciplina che:

“Salvo diversa volontà delle parti, il mutuatario deve corrispondere gli interessi al mutuante. Per la determinazione degli interessi si osservano le disposizioni dell’articolo 1284. Se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi”.


Quest’articolo ha forti rapporti anche con la disciplina penalistica dell’usura, disciplinata all’art. 644 codice penale, poi riformulato con la Legge 108/96. L’articolo 2 della L.108/96 dispone che il limite, oltre il quale gli interessi non possono andare, è stabilito dal Ministero del Tesoro e viene chiamato tasso soglia.
Volendo fare un esempio, abbastanza chiaro per tutti, se un cliente sottoscrive un contratto o paga, durante il corso del rapporto con la propria banca o finanziaria, interessi superiori al tasso soglia, la clausola degli interessi è nulla e si ha il diritto ad ottenere la restituzione di tutti gli interessi; secondo quanto stabilito dall’art. 1815.

Rosario De Vincenzo

Rosario De Vincenzo

Consulente e Coach per il benessere nel business e nella vita. Sono stato mediatore creditizio per tantissimi anni e imprenditore nel settore della finanza, con esperienza maturata da oltre 25 anni nel settore finanziario. Mi occupo di start-up tecnologiche e di marketing ad alto valore aggiunto. Sono Financial e Marketing Coach certificato in Business e Master Practitioner PNL, autore del libro best seller “Usura Bancaria” e fondatore di HGM.
Spero presto di fare la tua conoscenza e per qualsiasi informazione contattami su facebook, linkedin, twitter o via email rosariodevincenzo@libero.it
Un caro abbraccio forte!
Rosario De Vincenzo
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin